fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
Questa storia fa Acqua!

acqua

"QUESTA STORIA

FA ACQUA!"

con Sabine Bordigoni, Antonio Branchi, Matteo Procuranti
nella boccia Remo Pesce
drammaturgia e regia Virginia Martini
con la preziosa collaborazione di Acquedotti, Depuratori, Rubinetti e WC
e la partecipazione straordinaria di Ghiacciai, Fiumi, Laghi e Mari

 

Lo spettacolo propone in maniera divertente una riflessione sull’acqua, sulla sua privatizzazione, sui rischi per l’ambiente e sulle nostre responsabilità. Senza la pretesa di essere esaustivo lo spettacolo, “sfruttando” gli strumenti coinvolgenti della rappresentazione teatrale, è finalizzato ad incentivare nei ragazzi una sensibilizzazione ed un’informazione di base rispetto all’importanza acqua artvitale delle risorse idriche e di un loro più corretto utilizzo e può, allo stesso tempo diventare valido strumento per  insegnanti e operatori specializzati che potranno approfondire in classe quanto proposto in scena. Le tecniche di narrazione, il gesto e la musica agiscono sull’immaginario emotivo dei giovani spettatori offrendo spunti e stimolando domande.Punto di riferimento imprescindibile per l’individuazione dei temi affrontati nello spettacolo è la Carta Europea dell’Acqua promulgata nel 1986 ed ancora lontana dall’essere applicata.
I temi affrontati saranno:
L’acqua un bene di tutti.
Come evitare gli sprechi inutili. Istruzioni per l’uso.
Il sistema i
acqua 8taliano di “distribuzione”.
Il “costo” dell’acqua.
L’inquinamento dell’acqua e ciò che è possibile fare.
A chi tanto e a chi poco: il problema  mondiale della scarsità di acqua potabile.
Nell’invenzione scenica i temi sopraindicati saranno “camuffati” e sviluppati all’interno di “sfide”che affronteranno gli attori ma in cui gli spettatori, secondo specifiche tecniche partecipative, saranno chiamati a giocare un ruolo fondamentale affinché la storia possa procedere. In tal modo niente verrà “imposto” in modo dogmatico e frontale ma tutto sarà la necessaria conseguenza di un comune percorso di attenzione, riflessione e responsabilizzazione sul più grande bene collettivo dell’umanità, l’acqua.

 

Adatto ad un pubblico dagli 8 ai 13 anni

 

 

 

GUARDA LE FOTO

 

Newsletter